Workshop al Laboratorio Tabor
11 Settembre 2022
Santa Silvia
1 Novembre 2022
Vedi tutto

Daniele Comboni

Compagno di viaggio dei missionari, di chi dà la vita, di chi riconosce dignità a ogni uomo

Daniele Comboni nasce a Limone sul Garda il 15 marzo 1831. Sacerdote dal 1854, tre anni dopo inizia ad esaudire il sogno di essere missionario: parte per il Sudan insieme ad altri cinque inviati dal veronese don Nicola Mazza. Alla fine del 1859 però l’esperienza è già conclusa in modo fallimentare: alcuni muoiono e Daniele torna a Verona. Gli anni successivi sono dedicati all’elaborazione del “Piano” per la formazione umana e l’evangelizzazione dell’Africa attraverso la sensibilizzazione della Chiesa tutta, anche attraverso la stampa  -è lui a fondare la rivista Nigrizia, tuttora esistente. Purtroppo però molte sono le resistenze, soprattutto in seguito alle denunce relative allo schiavismo. Daniele riesce a tornare in Africa solo nel 1867, grazie al sostegno del vescovo Luigi di Canossa, che gli affianca anche una trentina di validi compagni. Il campo base nasce al Cairo, ma presto il cammino prosegue verso sud, portando con sé la nascita di scuole gestite da personale del luogo, secondo il celebre detto: “L’Africa si salva con l’Africa”.

Le prove sono molte e pesanti, sia dall’interno della Chiesa, sia dalle grandi fatiche dell’Africa: la siccità e le epidemie; quelle del vaiolo e del tifo riprendono drammaticamente nel 1881. Daniele si prodiga instancabile per soccorrere i morenti, finché è lui ad essere pianto da una folla straordinaria, il 10 ottobre 1881. Dall’Italia, dopo la sua morte e dopo avvenimenti incresciosi, per i quali la sua stessa tomba viene distrutta, i suoi vengono richiamati invano: i “comboniani” non abbandonano l’Africa.

Il libro del mese

È la biografia di un grande maestro, André Louf, Abate di Mont-des-Cats e poi eremita, scrittore di talento soprattutto nel ritrarre i moti dell’interiorità, a partire dalla propria per giungere alle innumerevoli persone che in lui hanno trovato una guida fine e fedele. Queste pagine ricostruiscono con sapienza, anche grazie al diario spirituale, i tratti della sua personalità ma anche la storia e i passaggi del suo percorso spirituale.