Sant'Eusebio

Sant'Eusebio di Vercelli

San'Eusebio di Vercelli

compagno di viaggio

di chi annuncia la gioia di Cristo Risorto

di chi difende con coraggio e sapienza la fede cristiana

di chi cerca la vita fraterna.

 

La vita:

Nato negli anni tra il III e il IV secolo in Sardegna, Eusebio è il primo Vescovo del Piemonte: vi giunge mandato da papa Giulio I, che ha modo di apprezzarlo negli studi ecclesiastici a Roma. Verso il 345 viene dunque nominato Vescovo di Vercelli e subito inizia la sua opera di evangelizzazione, coniugando il fervore pastorale con una forte vita di preghiera e di attenzione alle relazioni fraterne, tanto da chiedere ai suoi preti la vita in comune e da fondare anche una comunità di donne consacrate.

Maestro di Sacra Scrittura, è anche fine teologo, coraggioso nella lotta all’arianesimo e nella difesa di Atanasio e dei principi del concilio di Nicea nel Concilio di Milano (355). Per la fermezza delle sue posizioni, l’imperatore Costanzo (figlio di Costanzo il Grande) lo manda in esilio a Scitopoli , in Palestina, e poi in Cappadocia e nella Tebaide egiziana. Pur provato dall’indigenza e dalle torture, non risparmia energie nel sostenere i suoi fedeli, come testimonia la splendida corrispondenza con i vercellesi, piena di calore e fiducia.

Il suo esilio termina con la morte dell’imperatore e gli vengono concessi ancora dieci anni di intenso lavoro intorno alle Scritture e all’annuncio in zone sempre più vaste, ben oltre i confini di Vercelli. Conclude la sua “corsa” terrena il I agosto del 371. Da sempre patrono di Vercelli, è dichiarato da papa Giovanni XXIII Patrono del Piemonte e della Valle d’Aosta.

 

 

 

Per approfondire:

Laudato si

Papa Francesco, Laudato si'.

Una lettera per tutti, per i credenti ma anche per chi si sente lontano dalla fede: questa Enciclica dedicata all'ecologia è per tutti coloro che hanno a cuore il senso del nostro vivere, il futuro del pianeta, la sorte degli uomini e soprattutto dei più deboli e poveri. Il lettore è accompagnato da Papa Francesco a guardare la realtà con uno sguardo lucido ma anche fiducioso, in un approccio integrale, che tiene insieme ogni dimensione della vita e che la orienta al disegno di infinito amore del Padre.

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni.
La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie.