Chiara Luce Badano

Chiara Luce Badano

Chiara Luce Badano

compagna di viaggio

di chi si abbandona fiduciosa nelle mani del Padre

di chi porta e offre il dolore come realtà preziosa

di chi si lascia conquistare da Cristo.

 

La vita:

Chiara Badano nasce a Sassello, in provincia di Savona, il 29 ottobre 1971. Figlia unica, è la gioia dei suoi genitori. Già nell’infanzia emergono i tratti tipici della sua personalità: estroversa, generosa, attenta alle necessità degli altri. Quando, a 9 anni, incontra il movimento dei Focolari, ne rimane affascinata e subito vi aderisce come Gen. Dopo le medie, si trasferisce a Savona per frequentare il liceo classico. A diciassette anni, durante una partita a tennis, avverte dei dolori terribili alla spalla. La diagnosi giunge presto: sarcoma osteogenico con metastasi. Iniziano così gli interventi, i ricoveri, le cure dolorose; la malattia però, procede, procurandole dolori fortissimi, paralisi alla gambe, impossibilità crescente di movimento. Chiara affronta tutto questo con serenità e consapevolezza, in una fiducia totale alla bontà di Dio. A tutti coloro che vengono a farle visita ella offre il sorriso e la testimonianza di una fede cristallina e di un legame fortissimo con Cristo. É Chiara Lubich, con cui è in contatto durante tutta la malattia, a darle il soprannome di “Luce”. All’approssimarsi dell’ultimo giorno, Chiara Luce sceglie con cura l’abito, i fiori, le letture, i canti della Messa, che desidera sia per tutti una festa, come lo è per lei. Le ultime parole sono per la mamma: “Ciao, sii felice, perché io lo sono”. Si spegne il 7 ottobre 1990, consegnando una testimonianza vivida e decisiva nel cammino di innumerevoli persone. Viene beatificata il 25 settembre 2010 al santuario del Divino Amore, alla presenza di migliaia di giovani da tutto il mondo.

 

 

Per approfondire:

Uno sguardo luminosoMariagrazia Magrini, Uno sguardo luminoso, Edizioni San Paolo 2010

Si tratta della biografia di Chiara Badano scritta dalla vicepostulatrice per la Causa di Canonizzazione. La ricchezza di fonti e documenti lascia emergere la gioia e la luce che la breve vita di Chiara ha donato alla Chiesa e al mondo, in una fecondità impressionante di nuovi discepoli.

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni.
La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie.