Santa Ildegarda di Bingen

 

Ildegarda di Binden

Santa Ildegarda di Bingen

compagna di viaggio

di chi cerca Dio nella natura e nel cosmo

di chi coltiva l’armonia e la bellezza

di chi loda Dio e la vita con il canto.

 

Bermersheim vor der Höhe. Qui nasce nel 1098 Ildegarda, decima figlia di una ricca famiglia. La sua vita trascorre quasi interamente dentro le mura dei monasteri: in quello di Disinbodenberg vi entra come scolara già all’età di otto anni, per prendere i voti qualche anno dopo sotto la guida della badessa Jutta di Spanheim. Divenuta ella stessa badessa di tale monastero, ne fonda poi altri due nell’Assia-Palatinato, nei pressi di Bingen e di Eibingen.

A Ildegarda di Bingen, Santa e Dottore della Chiesa dal 2012, si deve un enorme tesoro di spiritualità e sapienza in molteplici ambiti di ricerca, dei quali rimane testimonianza nella miriade di scritti da lei lasciati. Tra questi, una corrispondenza ricchissima con i grandi del suo tempo, come Federico Barbarossa e papa Eugenio III, che di lei nutre una immensa stima, tanto da leggere i suoi testi al sinodo dei vescovi a Treviri e da consultarla ripetutamente.

I suoi trattati teologici sono estremamente densi e straordinariamente interessanti, in particolare per le analisi antropologiche tra attività creatrice di Dio e richiami escatologici. Tra le anticipazioni sorprendenti, ricordiamo la raffigurazione dell’uomo al centro di un cerchio, che Leonardo realizzerà alcuni secoli dopo.

Allo studio teologico Ildegarda accosta il canto e la musica; è considerata la prima compositrice cristiana. E tante delle sue ricerche spaziano nell’orizzonte della natura e della medicina, sulla base del legame fortissimo che ella riscontra tra le energie del creato, la corporeità e la vita interiore.

Santa Ildegarda si spegne a Bingen am Rhein nel 1179.

 

Il libro del mese:

Ildegarda di BingenIldegarda di Bingen
Cristina Siccardi, Edizioni Paoline 2012

La vita della “Sibilla del Reno”, secondo l’appellativo presto conferito a questa straordinaria figura la cui sapienza eclettica irradia l’intera epoca, è qui delineata a partire dalla fortezza ispirata con cui si rivolge ai grandi del suo tempo, e in modo particolare ai vescovi. La sua vicenda e la sua personalità diventano, per chi desidera camminare nella vita e nella fede, fonte di incoraggiamento e invito a cogliere in ogni realtà il rimando alla bellezza donata senza misura dal Creatore.

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni.
La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie.