Sant'Agostino

 

Sant'Agostino

Sant'Agostino

compagno di viaggio

dei cercatori di senso e bellezza

di chi apprezza e ha cura dell’interiorità

di chi si impegna a riconoscere Cristo nella sua vita e nel disegno della salvezza.

 

Aurelio Agostino nasce a Tagaste, nella Numidia proconsolare, nell’anno 354. Dopo i primi studi di grammatica, a causa delle scarse disponibilità finanziarie è costretto a rientrare in famiglia. Sono anni di grande inquietudine, e la sua vita si fa via via più sregolata, sebbene, grazie a nuove entrate, possa riprendere presto gli studi a Cartagine. Nel 372 nasce Adeodato, figlio di Agostino e della donna con cui vive. Poco dopo inizia per Agostino una grande attrazione per la letteratura e per le dottrine manichee, che abbandonerà una decina di anni dopo.

Giunto in Italia, con la speranza di maggiori soddisfazioni professionali, ottiene l’insegnamento della retorica a Milano. Qui incontra sant’Ambrogio e diventa fedele ascoltatore dei suoi discorsi, mutando anche il suo giudizio sulla Bibbia e approfondendo la lettura di alcuni libri, in particolare le lettere di san Paolo.

Il 386 è l’anno della conversione; l’anno dopo, nella notte pasquale, riceve il battesimo da sant’Ambrogio, insieme con il figlio. Nel lungo viaggio di ritorno in Africa per ritirarsi a vita monastica, a Ostia gli muore la madre, che l’aveva raggiunto in Italia due anni prima.

Nel 388 riesce finalmente a fondare un monastero a Tagaste e a intraprendere la vita monastica. Sono anni di intenso studio e di polemica con i Manichei e i Donatisti, ma anche di avvicinamento alla vita pastorale che culminerà con l’incarico episcopale a Ippona, nel 396. Negli anni immediatamente successivi egli scrive Le confessioni, cui fanno seguito gli scritti teologici, filosofici, i commenti biblici e La città di Dio.

Mentre i Vandali assediano Ippona, il 28 agosto 430 Agostino muore. I vescovi africani riescono a portare il suo corpo in Sardegna. Di qui Liutprando re dei Longobardi lo porterà a Pavia.

 

Il libro del mese:

Le confessioniLe confessioni
Agostino, BUR 2006

Un libro per tutti i tempi, un libro che ha attraversato la storia occidentale risvegliando in tantissimi la sete di senso e la ricerca esistenziale. Ancora oggi, e secondo diverse prospettive, l’autobiografia di Agostino è di una ricchezza straordinaria, e può nutrire e orientare il desiderio e il cammino interiore di ogni lettore. Le vicende della sua vita e l’apertura alla grazia travolgente di Cristo sono anche un motivo grande di speranza nel Suo amore incondizionato.

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni.
La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie.