Stefano Harding

 

 Stefano Harding

Stefano Harding

compagno di viaggio

di chi con fortezza e coraggio apre vie nuove

di chi cerca la radicalità

di chi non si lascia condizionare da paure e ostacoli.

Nato intorno al 1060 nell’Inghilterra meridionale dalla nobile famiglia degli Harding, dopo una serie di travagliate vicende che lo portano anche in Scozia e a Parigi, nel suo viaggio di ritorno da Roma Stefano si ferma nell’abbazia cluniacense di Molesme in Borgogna.

La vita povera ed austera dell’abbazia, fondata pochi anni prima – nel 1075 – dal monaco francese Roberto, lo attrae, tanto da fermarlo lì. Quando i contrasti comunitari si acuiscono, Stefano è tra coloro che seguono Roberto nella nuova fondazione di Citeaux, destinata a dar vita al nuovo Ordine cistercense.

Alla morte dell’abate Alberico, nel 1109, è Stefano a guidare la nuova abbazia, mettendosi subito al lavoro per gli statuti che verranno definiti con la Charta Caritatis, approvata nel 1119. Molte energie vengono profuse anche per la revisione dei libri liturgici e sul testo della Bibbia, oltre che sulla guida non semplice dei monaci.

L’impegno profuso nel difendere la spiritualità dei primi tempi benedettini è ripagato dall’arrivo di san Bernardo di Chiaravalle insieme ai suoi 30 compagni, iniezione straordinaria di vitalità e feconda promessa di futuro: a partire dal 1113 è Stefano stesso a mandare i suoi monaci a dar vita a ben 12 fondazioni.

Il grande abate muore nel 1134, consegnando all'Europa la nuova via solida e luminosa dell'Ordine cistercense.

 

 

Il libro del mese:

Tre frati ribelli

Tre frati ribelli.
Storia e avventura dei fondatori dei monaci bianchi.

Marcel Raymond, San Paolo Edizioni 2006

E' la storia avvincente dei tre frati coraggiosi che diedero vita al monachesimo cistercense: san Roberto, sant'Alberico, santo Stefano Harding. Nell'epoca della cavalleria, questi cavalieri di Dio scelsero le armi dell'amore, della preghiera e della povertà per rioffrire alla Chiesa e al mondo la fedeltà alla Regola di san Benedetto.

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni.
La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie.