Sant'Ambrogio

 

Sant'Ambrogio

Sant'Ambrogio

compagno di viaggio

di quanti governano la Chiesa e si prendono cura dei fratelli con sapienza ed equilibrio

di chi pone Cristo al centro della sua vita

di chi ama e serve la Chiesa

 

Treviri, in Germania. Qui nasce intorno al 330 Ambrogio, da una nobile famiglia romana. Quando suo padre, governatore delle Gallie, muore, con la madre e la sorella Marcellina Ambrogio si trasferisce a Roma. Nella grande città egli continua gli studi riscuotendo successi notevoli nella carriera legale, tanto che, nel 370, l'imperatore Valentiniano lo invia come governatore a Milano.

Quando le tensioni tra i cristiani e gli ariani, che caratterizzano questo tempo storico, si accendono animosamente per l'elezione del successore del vescovo ariano Assenzio, Ambrogio interviene, nell'intento di salvaguardare l'ordine pubblico e di placare gli animi: recatosi tra la folla in tumulto, si sente acclamare, "a furor di popolo", come nuovo vescovo di Milano. Subito egli cerca di rifiutare tale incarico. Lo stesso imperatore però lo invita ad accettare: nell'arco di una settimana Ambrogio viene battezzato e consacrato vescovo. È il 7 dicembre del 374.

Si affretta quindi a donare le proprie ricchezze alla Chiesa e a colmare le lacune nella preparazione teologica e biblica. Le sue notevoli doti nell'arte oratoria gli consentono di offrire ai fedeli scritti e insegnamenti di notevole livello stilistico e di pensiero, arricchiti anche dalle meditazioni assidue sui testi dei Padri della Chiesa. Sempre più numerosi divengono i suoi discepoli, e tra questi anche menti eccelse come sant'Agostino, giunto alla fede proprio grazie a lui.

La grande sapienza nel governo si associa così ad una finezza straordinaria nel condurre le anime a Cristo, anche grazie alla cura dei testi per la preghiera, il cui indubbio valore è riconosciuto tuttora nella liturgia ambrosiana.

Consumato dall'amore di Cristo e della Chiesa, Ambrogio chiude i suoi occhi all'alba del Sabato santo dell'anno 397.

 

 

Per approfondire:

Matta el Meskin, L'umanità di Dio

L'umanità di Dio. Meditazioni sull'incarnazione
Matta el Meskin, Qiqajon 2015.

In questo libro sono raccolte alcune meditazioni di Matta El Meskin, monaco ortodosso egiziano mancato recentemente, grande maestro spirituale dei nostri tempi. Il lettore potrà trovarvi un'ottima preparazione a quella festa della Vita che è il Natale.

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni.
La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie.