Carlo Borromeo

 

Carlo Borromeo

Carlo Borromeo

compagno di viaggio

di chi opera per il rinnovamento della Chiesa secondo lo Spirito

dei governanti giusti e sapienti

di chi vede e provvede alle necessità dei poveri

 

Nasce in una famiglia nobile nel 1538 Carlo Borromeo: suo padre è il conte Gilberto, sua madre Margherita de' Medici, sorella di papa Pio IV.

Dopo gli studi, brillantemente sostenuti a Pavia, a 22 anni Carlo viene chiamato a Roma e creato cardinale. Molte sono le sue proposte nel Concilio di Trento, che lo vede tra i maggiori protagonisti.

Tra le riforme che a lui si devono, l'istituzione dei seminari per la formazione dei sacerdoti. Vescovo di Milano a soli 25 anni, esercita il suo episcopato con grande sapienza e attenzione agli ultimi della società, anche quando la sua dedizione generosa minaccia la sua salute; in particolare vanno ricordate le sue opere durante la peste del 1576 e il suo darsi infaticabile fino alla fine, fino a quel 3 novembre 1584 in cui apre gli occhi al cielo e trova riposo nell'abbraccio del Padre.

 

Per approfondire:

Tenerezza di Isabella Guanzini

Tenerezza. La rivoluzione del potere gentile 
Isabella Guanzini, Ponte alle Grazie 2017.

Sono pagine coraggiose, perché osano affrontare con rigore e profondità un sentimento delicato e spesso mal interpretato. L'autrice lo fa con grande sapienza e cura attingendo alle parole e al pontificato di papa Francesco, restituendoci la freschezza e la speranza del potere gentile sull'altro, fatto di calore, vicinanza, affetto.

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni.
La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie.