Elisabetta della Trinità

 

Elisabella della Trinità

Elisabetta della Trinità

compagna di viaggio

di chi custodisce la vita interiore

di chi lotta per migliorare la sua personalità

dei cercatori di infinito.

 

Elisabetta Catez nasce a Bourges il 18 luglio 1880 dalla famiglia di un ufficiale che, molto presto, si trasferisce a Digione.

Bambina vivace e poi adolescente brillante, con molte doti spiccate, tra cui quelle della musica, Elisabetta matura sempre più un’indole riflessiva e una grande ricchezza interiore, unita ad una notevole determinazione nel combattere la propria impulsività.

Poco più che quindicenne manifesta la volontà di diventare Carmelitana, ma la madre glielo permette solo dopo il compimento dei 21 anni. Il 2 agosto 1901 entra finalmente nel carmelo di Digione, iniziando un cammino umano e spirituale profondissimo, con una tensione costante all'infinito e l'elaborazione di una dottrina spirituale di grande spessore, fondata sulla grandezza dell'amore trinitario dal quale si sente “inabitata”.

All'età di 25 anni è colpita da una durissima malattia, che affronta con grande coraggio e abbandono confidente. Muore dopo pochi mesi, il 9 novembre 1906.

Dopo essere stata proclamata beata nel 1984 da Giovanni Paolo II, è stata canonizzata da papa Francesco lo scorso 16 ottobre.

 

Per approfondire:

Elisabetta della Trinità

Roberto Moretti
Introduzione a Elisabetta della Trinità
Edizioni OCD 2006.

Attraverso questo agile testo è possibile accostarsi alla figura della grande mistica traendo validi spunti per la preghiera e la meditazione: dopo le pagine biografiche si accede infatti ad una valida antologia degli scritti e ad una illustrazione efficace della dottrina spirituale.

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni.
La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie.